lunedì 19 maggio 2014

Ciò che sei

Le sue mani impastano una pagnotta tiepida e profumata, io le osservo rapita, e ne rubo un pezzetto. La pasta, cruda e dolciastra, è di sicuro la cosa più buona che abbia mai mangiato, ma me ne concedono poca e mi rimane la voglia. Il recipiente della farina è pieno di polvere bianca, vorrei affondarci dentro una mano. La tovaglia di lino, sempre immacolata, ha una trama grezza ma sottile e avvolge la pasta come un neonato. Aleggia sempre un odore di acqua alle rose e in casa c'è un bel tepore, mi sento amata, felice. Dalla finestra entra una luce gentile, e si vedono i tetti.




























...


Non sono forse queste le cose che fanno di noi ciò che siamo?
Ricordi che hanno segnato la mia infanzia. E ora anche la sua














27 commenti:

  1. Poche parole ma tanto significato... hai ragione, questi sono i ricordi più preziosi che è bello poter tramandare.

    RispondiElimina
  2. si, magia... mi sembra di rivedere le mani di ma nonna..

    RispondiElimina
  3. Emozionante come sempre. Sono le cose più semplici ad essere le più belle. Io mi ricordo ancora le sue eccezionali freselle. Baci a voi

    RispondiElimina
  4. Wooow, splendide foro, complimenti! E' anche le parole, così sentite e piene d'amore.

    RispondiElimina
  5. E anche la mia... Proprio gli stessi. Grazie per averli fatti riaffiorare con tanta grazia e bellezza.
    Donata

    RispondiElimina
  6. Absolutely wonderful, the way both old and young work together to make a tasty meal.
    The pottery I love !!

    ~ Aina ~

    RispondiElimina
  7. Emozione. Alcuni momenti sono semplicemente questo. E possono portarci via tutto, ma non quelle sensazioni...
    E' un post dell'anima, mi piace leggerlo così.

    RispondiElimina
  8. Cavatelli pugliesi eh eh , io mangiati ieri con i gamberetti :P
    Un caro saluto
    Germana

    RispondiElimina
  9. Stupende quelle due mani così vicine... ricordi vivi e forti che riaffiorano e che mi parlano di chi non c'è più ♡
    Annalisa

    RispondiElimina
  10. ... Sempre ho pensato che in Italia avete una delle ricchezze più grandi al mondo: La Tradizione ....
    Bellissimo post!
    un beso
    Cata

    RispondiElimina
  11. le tradizione sono il nostro futuro!!!!!!!! un abbraccio e buona settimana Lory

    RispondiElimina
  12. Che nostalgia, chiudo gli occhi e rivedo la mia nonna, sento il suo profumo e il ricordo del suo abbraccio. Ho un nodo in gola nel guardare queste foto, i cavatelli fatti insieme , la gioia di poter mangiare l'impasto crudo e quei tetti.
    Meraviglioso post, grazie!
    Marianna

    RispondiElimina
  13. Armonia incredibile di colori..i grigi,gli azzurri...il caldo color del legno...tutto sembra fondersi...e l'atmosfera si fa magica..Bellissimo!

    RispondiElimina
  14. Questo non è un post: è un racconto di ricordi e emozioni... :) Bellissimo!

    RispondiElimina
  15. Emozionante è dir poco! Le due mani così vicine: l'anziana e il bambino, la tradizione e la modernità, i tetti nuovi e i tetti vecchi... tutto è poesia! Brava Viviana, Santeramo, le zie, fanno parte anche dei miei ricordi d'infanzia e le tue parole, le tue foto mi hanno commossa! Baci mamma

    RispondiElimina
  16. Una meraviglia quelle mani infarinate, di chi sa e di chi saprà. Io adoro la pasta frolla cruda ! Magica Viviana

    RispondiElimina
  17. Una persona che ha vissuti questi momenti ed ha questi ricordi è una persona ricca, ricchissima. Quella mano vecchia fa molto di più che fare cavatelli, quella mano sta vicino alla mano piccola e giovane per dirgli fai, agisci tanto sto io qui a guidarti. C'è sempre una mano giovane ed una mano vecchia, le persone con il tempo cambiano mano ma è importante non perdere mai il legame

    RispondiElimina
  18. Quante emozioni, i ricordi riaffiorano insieme alle immagini e alle parole, si sente il profumo della farina che inebria e quel pezzo di lino che è proprio uguale al mio, a quello dei miei ricordi, a quello della mia infanzia.
    Naty

    RispondiElimina
  19. E' la ricchezza del tempo che ci separa a renderci così grandi.
    Ciao Viviana

    RispondiElimina
  20. Tesoro ma che meraviglia quelle mani vicine... siamo quel che siamo per il passato che abbiamo avuto e tu e quel piccino ... che immensa fortuna! Le tue foto sono un incanto. Ti abbraccio forte donna era e piena di anima!

    RispondiElimina
  21. Bellissime immagini pura fondamentale semplicità

    RispondiElimina
  22. grande emozione .....per questo post!
    baci claudette

    RispondiElimina
  23. Ciao Cara,
    oh wow beautiful, every single picture is telling an entire story. Love them all!
    Have a wonderful time
    All the best
    Elisabeth

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

ShareThis